La Dalmazia, tra natura e cultura, una costa da esplorare

Leggi l'articolo

La storia di una regione litoranea davvero affascinante tra le bellezze della natura incontaminata e delle spiagge sterminate

Secondo alcuni celebri studiosi il nome di queste terre deriva da "Dalma", che significa letteralmente pecora, si può quindi facilmente dedurre che quella della pastorizia fosse l'attività che si impose nell'antichità come riferimento più forte per indicare quel territorio litoraneo ed insulare della interminabile costa Adriatica che oggi chiamiamo Dalmazia.

Terra di controversa delimitazione, la Dalmazia ha sempre rappresentato un riferimento strategico di molti imperi, da quello romano a quello asburgico, con tutte le conseguenze del caso.

Nel corso della storia ne era ben consapevole l'imperatore di Bisanzio Costantino, l'uomo che più di ogni altro riscoprirà tante località di questi luoghi recuperandone la matrice greca o confermando quella latina.

Ecco quindi una delle caratteristiche principali della Dalmazia, dal tempo del Tema bizantino ai regni medioevali slavi, dalle stagioni delle crociate a quella del conflitto tra Genova e Venezia, che avrà luogo militarmente di fronte all'isola di Curzola, e che porterà Marco Polo a realizzare "il Milione" nelle prigioni della Superba.

E ancora dall'opulenta convivenza sull'Adriatico tra città vicine come Senigallia, Ancona, Trani e Bari da un lato e Zara, Sebenico, Traù e Spalato dall'altro, fino al primato di Dubrovnik: trionfo di economia, urbanistica e cultura, praticamente alle soglie dell'età moderna.

E da ultimo, nel corso dei travagliati secoli scorsi, in una esasperazione degli opposti nazionalismi che condurrà alle tragedie politiche e civili che tutti conosciamo e ancora oggi di difficile comprensione.

Dunque romanità e slavismo in un complicata convivenza tra storia e geografia la cui anima dovette essere per molti secoli fino alla metà dell'800, l'esistenza autonoma di una lingua dalmatica, ma per tanto tempo veicolo mediterraneo di comunicazione fra gli abitanti dell'entroterra e gli isolani dell'immenso arcipelago in una sequenza di località preziose e originali come, solo per indicarne alcune, gli splendidi borghi collocati sulle grandi isole di Pago e Arbe, Hvar e Curzola.

Quella dell'insularità è una caratteristica davvero insostituibile della Dalmazia, perché ampia, diffusa, articolata, quasi secondo un profilo che scende dal Quarnaro fino alle Bocche di Cattaro e rende questo territorio una meravigliosa via di mezzo tra europeismo ed esotismo orientale, straniero e affascinante al tempo stesso incontaminato e inesplorato.

L'abate padovano Alberto Fortis andò a cercare in Dalmazia suggestioni e figurazioni che dovevano poi scaldare gli animi dei pensatori e degli artisti protoromantici, arrivando con i suoi libri fin sul tavolo del grande Goethe.

Qui nasce e da qui si diffonde in Europa una nozione di Dalmazia davvero affascinante: quella del luogo dove si tramanda e resiste l'eccezionale tradizione dell'epica orale, del canto accompagnato dallo strumento della guzla, che suona i motivi delle gesta eroiche.

Una convinzione romantica che porterà anche gli studiosi contemporanei a cercare in quelle testimonianze una sorta di continuità della cultura omerica.

Ma con il giungere dei tempi moderni, la Dalmazia è diventato il luogo, o meglio il mare delle navigazioni sempre più ampie e avventurose.

Se la gran parte dei marinai della battaglia di Vis erano dalmati, a partire dall'ultimo decennio dell'800 la popolazione locale da il via ad un robusto fenomeno di emigrazione, inizialmente ristretto all'Adriatico, ma che in pochi anni si spinse oltre l'Europa, a partire dall'America e fino all'Australia, seguendo un percorso che inizia durante la Prima Guerra Mondiale e termina con le fughe dei pescatori verso l'Italia con barche a remi o a vela durante gli anni 1940 e 1950.

E così la Dalmazia diventa il luogo della nostalgia.

Poche cose, o meglio poche emozioni ancora percepibili, restituiscono la portata di questi accadimenti come i canti che, anche dai nostri giorni si possono sentire nel corso delle tante feste estive sulle piazze dei villaggi.

Ti è piaciuto l'articolo?

Condividilo subito sui tuoi social preferiti!!

I piatti tradizionali Croati

Scopriamo insieme cosa mangiare in Croazia: terra di tradizioni culinarie a base di pesce

Non servono preparazioni particolarmente elaborate per esaltare il sapore del pesce dell'altra parte dell'Adriatico: è già buono così com'è.

Scampi alla buzara, brudet, risotto al nero di seppia, e poi aragosta, spigole, orate, branzini e calamari cotti alla griglia sono solo alcuni dei piatti tipici croati da non perdere assolutamente.

Vai all'Articolo

Dubrovnik, una vera e propria perla dell'Adriatico

Il suo antico nome di Ragusa rievoca le vicende di una prospera repubblica di mercanti che, grazie al controllo sulle rotte del mediterraneo, era seconda soltanto a Venezia.

Gravemente danneggiata nel 1991 durante il conflitto tra serbi e croati, la citta medievale di Dubrovnik deve oggi, ancora una volta, risollevarsi dalle ceneri per tornare a essere ciò che era in passato, l'orgogliosa fortezza della costa dalmata.

Vai all'Articolo

I laghi di Plitvice, tra cascate e parchi naturali

Patrimonio dell'umanità dal 1979, si snoda tra grotte, cascate, boschi e fiumi. Sono considerati tra i più belli paesaggi naturali di tutta Europa

I laghi di Plitvice si trovano nella regione di Lika, che nonostante la morfologia tormentata è stata popolata fin dall'età della pietra.

I primi cacciatori e allevatori della zona furono attratti dalla grande abbondanza di selvaggina, dalla ricchezza di acque e dalla sicurezza offerta dalle foreste.

Vai all'Articolo

Trascorrere le Vacanze in Croazia

Vacanze in Croazia tra Mare e Cultura: la bellezza del litorale, delle sue strerminate isole sul Mediterraneo e la grande storie delle sue città

La Croazia si affaccia sull'Adriatico con oltre cinquemila chilometri di coste se consideriamo anche quelle delle sue isole; Zagabria, Zara e Spalato sono annoverate tra le maggiori città: la prima è la capitale (poco meno di ottocentomila abitanti), le restanti sono note mete balnearu rinomate per le loro spiagge e per il cospicuo patrimonio artistico.

Vai all'Articolo

Alla scoperta di Zagabria, la Capitale della Croazia

Zagabria, storica Capitale del Paese e moderna città europea ricca si storia e di fascino: cosa fare e cosa vedere in città

Zagabria, capitale della Croazia, conta oltre settecentonovanta mila abitanti e si estende su una superficie di circa seicentoquaranta chilometri quadrati.

E' situata sulla Sava, affluente del Danubio, ai piedi dei rilievi montuosi della Medvednica.

Vai all'Articolo

Cosa fare a Spalato e Zara, principali città Croate

Spalato e Zara sono le principali città della Croazia, cenni storici, spiagge e aree di interesse di questi centri fortemente votati al turismo

Spalato si affaccia sull'Adriatico ed è conosciuta per lo storico palazzo di Diocleziano: il "palatium", termine che ha dato il nome alla città, è un maestoso complesso architettonico le cui mura corrispondevano all'iniziale nucleo del centro storico di Spalato.

Vai all'Articolo

Vuoi contattarci?

Per chiarimenti, per ricevere ulteriori informazioni o richieste, o per comparire nelle pagine del nostro sito non esitare a contattarci.

Video

I nostri Portali

SITI.IT

I migliori siti per categoria

PIAZZE.IT

Il Portale dei Comuni Italiani

FOOD.IT

L'eccellenza a tavola

NAVIGARE FACILE .IT

Risorse e Portali Web

croaziaonline.it

La magia della penisola balcanica tra isole stupende, litorali imperdibili e città moderne e ricche di storia

croaziaonline.it

Compila il modulo per contattarci

051 267600

Il tuo messaggio è stato inviato! Vi risponderemo nel più breve tempo possibile
Errore!! messaggio NON inviato
Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy resa ai sensi dell'Art. 13 Regolamento Europeo 2016/679, e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali, per le finalità ivi indicate finalizzate alla corretta esecuzione delle obbligazioni contrattuali
Dichiaro di essere maggiorenne secondo la normativa vigente nello stato a cui appartiene il fornitore del servizio